Associazione Casa Normanna

del Rione Vecchia Matrice - Motta Sant'Anastasia

Corteo Storico

Corteo Storico

4 Regni...un Vessillo!

 

 

insegna_titolo

 

 

 

Nell'Anno 2011 in occasione della ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia e del 40° anniversario della nascita del gruppo sbandieratori di Casa Normanna, la sfilata storica della quartina assume un aspetto particolare. Non sarà, come nel passato, il racconto di una vicenda, di un personaggio, di intrecci più o meno storici  legati in qualche maniera al nostro piccolo territorio. Abbiamo preferito, invece,  volgere lo sguardo ad uno dei temi dominanti  che distinguono il senso di appartenenza alla nostra terra:
L’attaccamento ai miti, alle gesta e soprattutto ai simboli.
L’amore di ognuno di noi verso la propria terra e il rispetto delle regole sono sentimenti che contribuiscono in maniera determinante alla prosperità dello Stato e sono  particolarmente forti nelle democrazie. Questi conducono ad un’alta moralità, all’amore per la terra dei padri: la costruzione identitaria di un popolo è “nutrita” di una serie di simboli, di eventi cruciali, di luoghi sentimentali che ne hanno determinato le caratteristiche, la peculiarità.
Ed è proprio sui simboli del nostro sentire, sui personaggi che hanno unito le coscienze, sui quei momenti che crediamo sia giusto porre l’attenzione.
Chiunque visita la Sicilia, entra immediatamente in contatto con un simbolo che, svolazzando sui vessilli delle istituzioni, diffonde valori e gesta di un autentico e mitico popolo: è la Trinacria, che oltre ad essere il simbolo della solarità e della conformazione geografica, è anche simbolo dell’abbondanza e della fertilità del territorio, nonché che della sua forza.
Da qui iniziamo un tuffo nel passato per ripercorrere, attraverso quadri figurativi, tutto il periodo medievale in cui è stato possibile forgiare insieme quella sintesi di arti tratte dalle diverse dominazioni. Tutti questi caratteri peculiari che la Sicilia ha sintetizzato in un unico modo  di essere, noi li abbiamo rappresentati utilizzando l’unico emblema istituzionale che più d’ogni altro li definisce, Il Gonfalone della Regione Siciliana, che racchiude a sé quanto di più i simboli possano rappresentare.
Inizieremo il viaggio nei secoli partendo dagli Altavilla, quando la Sicilia divenne veramente un modello per l’Europa, assistendo alla nascita dello Stato moderno, con il suo primo Parlamento già nel 1129 all’epoca di Ruggero II.
Ammireremo i fasti di Svevia dell’Imperatore Federico II lo “Stupor mundi”, il “Sultano battezzato”, quando alla sua corte a Palermo, e Dante stesso lo affermava, nacque la letteratura italiana, per rivivere quel periodo della storia in cui nessuna isola ergeva sull'orizzonte della nostra civiltà una fronte più radiosa della Sicilia. Essa punta verso tre continenti e ne sintetizza le caratteristiche. Essendo il più fulgido centro del mondo mediterraneo.
Giungeremo, dunque, al periodo forse più buio ma che ha dato più di ogni altro un contributo alla storia, al progresso e all’umanità, quando il popolo siciliano ha dato luminosi esempi di amore per la libertà: il Vespro siciliano del 1282, esempio di come i siciliani si sono sempre ribellati a tutte le forme di oppressione e spesso ottenendo parecchio  profitto, nel senso che le cose sono cambiate e a volte prima che cambiassero in altre parti d’Italia o di altri paesi.
E infine il quattrocento, gli Aragona, la Spagna e con essi  fino alla totale indipendenza. Un’indipendenza che riassumerà a vessillo in campo giallo-rosso i simboli degli Altavilla, l'aquila sveva, la Trinacria come Simbolo del vespro e le bande rosse e gialle di Aragona, ad imperitura memoria delle radici della nostra libertà.
Ciò che intendiamo, quindi, celebrare è “il Sicilianismo” come senso civico, l’amore verso la nostra terra  come rispetto di se stessi nel rapporto con gli altri, i simboli di quattro modi di essere totalmente diversi che qui hanno trovato terra fertile e, fondendosi  sotto un unico simbolo, hanno tracciato l’identità della nostra isola come bussola per trovare i segni di un cammino comune, una storia ancora tutta da scrivere, quella di NOI SICILIANI.

 

 

 

  

Contattateci

Per il tuo evento L'Associazione Casa Normanna propone spettacoli di:

Sbandieratori e Musici; Corteo Storico; Balletti medievali e danze orientali; Spettacoli di fuoco e danza; organizzazione di eventi a carattere storico; Majorettes.

L'associazione "Casa Normanna" ha sede in Motta Sant'Anastasia 95040 (CT) - via Manzoni, 8. Telefono 095 306301 - 3930741734. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FacebookTwitterGoogleYoutube